Dieta del caffè: meglio amaro o zuccherato?

0
6

Dieta del caffè: meglio amaro o zuccherato?

E’ imminente la prova costume e questo porta gran parte della popolazione anche quella che è normo peso a seguire diete decisamente particolari che limitano il consumo di alcuni principi nutrizionali necessari per il benessere psico fisico quotidiano. La dieta del caffè è un regime alimentare molto seguito soprattutto in questo periodo dell’anno dove il bisogno d’energia si sposa alla perfezione con quello della caffeina, elemento che non solo apporta carica quotidiana ma a quanto pare stimola il metabolismo e di conseguenza favorisce una perdita di peso. Secondo alcuni studi, però, la dieta del caffè avrebbe un efficacia sui giovani e sfavorirebbe gli anta, inoltre i suoi stimoli dimagranti sarebbero legati ad un consumo eccessivo di caffè che non a caso deve essere necessariamente amaro in quanto lo zucchero bianco limita gli effetti dimagranti della speciale bevanda nera.

Dieta del caffè: pro e contro di un regime controverso

Contro questa dieta c’è prima di tutto il fatto che come abbiamo detto avrebbe effetti solo su persone giovani e non grasse con una buona forma fisica e in poi l’assuefazione al caffè è rapida e il corpo attua una tolleranza veloce nei confronti di questa sostanza inibendone qualsiasi effetto in modo duraturo. Anche la nota affermazione che il caffè sazi sembra essere stata messa in discussione a livello internazionale, sembra infatti che la sazietà vari a seconda dei soggetti. In sintesi al dieta del caffè amaro non può definirsi efficace al 100% ha dei limiti e delle conseguenza da valutare e coordinare con l’esigenze dei singoli, è un tuttavia un regime alimentare che può favorire la perdita di peso ma la sua applicazione va tenuta sotto osservazione e valutata caso per caso. Importante tenere anche conto degli effetti negativi che il caffè può procurare all’organismo, nei casi più comuni anche crisi d’astinenza non troppo drammatiche ma decisamente antipatiche.

Comments