Sonno e aumento di peso: una relazione certa. Come controllarla?

0
76
Dieta sonno

Sonno e aumento di peso relazione accertata scientificamente

Negli ultimi anni si sono svolte molte ricerche per determinare il rapporto che esiste tra aumento di peso e sono, se solo qualche anno fa c’era un sospetto che l’insonnia potesse influire sul sovrappeso tanto da determinarne un aumento considerevole, oggi se ne ha la certezza grazie anche ai numerosi studi che sono stati svolti sull’argomento. In particolare i ricercatori della Perelman Scholl of Medicine della Pennsilvania hanno dimostrato che chi dorme poco e male tende ad ingrassare molto più facilmente rispetto a chi invece ha un rapporto sonno-sveglia più equilibrato e costante. Chi ha una dieta variegata composta di vitamine e proteine e altri principi alimentari dorme circa 8 ore a notte, chi invece fa prevalere un nutriente rispetto ad un altro solitamente ha disturbi nella notte e questo provoca anche un aumento di peso effetto dovuto soprattutto alla grelina, un ormone generato durante le ore notturne, che aumenta il desiderio di dolciumi e carboidrati durante le altre ore della giornata.

Sonno e aumento di peso gli effetti del jet lag social

Da ciò è facile dedurre che per agevolare la perdita di peso oltre ad una buona attività fisica, un regime alimentare correttamente valutato per ogni singolo caso da un esperto occorre analizzare anche la qualità del sonno, favorendone soprattutto un ritmo costante. Ma come tenere sotto controllo la bilancia cercando di favorire un buon riposo notturno? Prima di tutto occorre evitare il jet lag social ovvero bisogna evitare di dormire a lungo dopo aver fatto le ore piccole, questa malsana abitudine sconvolge i ritmi del sonno e agevola la variazioni di peso. Poi bisogna applicare una tecnica di rilassamento per favorire il riposo e evitare risvegli notturni improvvisi; ovviamente occorre evitare l’uso di tablet, smartphone, pc la cui luce “blu” non facilita il riposo e l’addormentarsi. Molto curioso, ma non poi così strano, è il consiglio dato da molti esperti d’alimentazione quello di non rimanere a letto quando si soffre d’insonnia. Agitarsi tra le coperte in attesa di un miracolo notturno non fa altro che creare ansia e constatare che il tempo di notte trascorre molto lentamente, dunque occorre alzarsi andare in un’altra stanza e impegnarsi in qualche attività, possibilmente noiosa, ovviamente rimanendo lontani dalla cucina e dal frigo: mangiare per noia o per ansia non è mai una buona idea soprattutto di notte, e poi non aiuterebbe a dormire meglio.

Sonno e aumento di peso: gli effetti positivi della “dieta sonno”

In seguito a queste analisi spesso si consiglia a chi soffre d’insonnia con conseguente aumento di peso la nota”dieta sonno” più ricca di vitamine e minerali che attivano il metabolismo, un alimentazione corretta per dormire bene che se seguita correttamente favorisce il relax notturno e non solo: mangiare  un frullato con 2 albicocche, la polpa di metà mango ed un bicchiere di succo di mela, oppure un frullato con mezza banana ed un bicchiere di latte a metà pomeriggio prepara il fisico al relax e contribuisce sicuramente ad una nottata meno lunga e molto piacevole: provare non costa niente!

Comments