Bacche di goji  : proprietà e controindicazioni

0
25

goji_bacche

Le bacche di Goji, frutti del Lycium barbarum e del Lycium Chinese, sono note per le molteplici proprietà terapeutiche. Utilizzate da sempre nella medicina tradizionale, queste bacche originarie delle regioni della Cina, del Tibet, dell’Himalaya e della Mongolia, proteggono il nostro organismo con elevate proprietà antiossidanti, rinforzano le difese immunitarie e sono un valido alleato nella prevenzione di patologie come l’ipertensione e il diabete.

Bacche di Goji : proprietà

L’elevata concentrazione di antiossidanti nelle bacche di Goji favorisce l’eliminazione dei radicali liberi, nella tradizione orientale questi frutti vengono considerati un vero e proprio elisir di giovinezza in quanto proteggono le cellule dall’invecchiamento e possono prevenire tumori e il cancro alla pelle. Per quanto riguarda gli elementi nutrizionali, le bacche di Goji sono ricche di vitamina C e svolgono un azione immunostimolante. Note sono infine le proprietà antifiammatorie e la presenza di luteina e betacarotene, elementi fondamentali per la salute degli occhi.

Bacche di Goji : controindicazioni

Per quanto riguarda invece le controindicazioni, si possono riscontrare delle reazioni allergiche o un ipersensibilità in alcuni soggetti. Si parla inoltre di controindicazioni delle bacche di Goji soprattutto in riferimento alla dose giornaliera consumata. L’integrazione di antiossidanti è sicuramente importati ma, come consigliato da medici e nutrizionisti, non si deve superare la dose di 15 grammi al giorno. Molto spesso, nel sentir parlare di effetti miracolosi di piante e elementi naturali, si tende ad abusarne e in questo caso si deve prestare la dovuta attenzione ad alterazioni o all’interazione con eventuali farmaci. Un consumo eccessivo di bacche di Goji può portare nausea e vomito, per chi soffre di ipertensione inoltre, la presenza di alcuni elementi può causare sbalzi di pressione. La presenza di selenio ne sconsiglia l’uso durante la gravidanza e l’allattamento.

Comments