La Melassa dolcificante naturale, poco usato, alleato della salute

0
51
La melassa

La Melassa dolcificante naturale, poco usato, alleato della salute

La melassa è tra i dolcificanti naturali meno usato, eppure contiene dei principi essenziali per la salute, spesso viene utilizzato come alternativa alla zucchero e il suo aspetto molto simile al miele lo rende perfetto per realizzare dolci. Nonostante i suoi tanti benefici la melassa non ha ancora conquistato il mercato, un consumo limitato forse anche dal fatto che reperirla non è proprio una cosa facile. Negli ultimi anni, però, la melassa si sta facendo strada in un ambiente, quello salutista, che ne ha rivalutato i suoi positivi effetti dati soprattutto dalla presenza nella sua composizioni di rilevanti percentuali di magnesio e ferro, minerali ad oggi molto importanti, difficili d’assimilare nei modi tradizionali. D’aggiungere che questo particolare zucchero fornisce una rilevante dose d’energia, contiene buone quantità di niacina, vitamina B-6, tiamina e riboflavina.

La Melassa, i benefici nascosti dati da ferro, magnesio e calcio

I benefici della melassa sono molteplici e se fino ad oggi sono stati sottovalutati è opportuno analizzarli come maggiore attenzione. Come abbiamo detto la melassa contiene il ferro, minerale importante soprattutto nelle donne nel periodo del ciclo; poi ha un potere antiossidante e in alcuni casi è determinante per combattere l’obesità. Essendo anche una buona fonte di calcio la melassa è d’aiuto nell’alleviare alcuni dolori alle ossa e riesce ad alleviare i malesseri dovuti ai reumatismi in quanto portatrice di calcio. Infine è efficace, in alcuni casi, per combattere mal di testa, acne e stanchezza. La melassa si può prendere come integratore, o anche al naturale miscelata ad acqua, tè o anche nei frullati questo per ovviare al suo sapore non troppo gradevole. Per i trattamenti cosmetici come nutrire i capelli e la pelle la melassa va diluita in acqua, applicata e poi sciacquata. La dose consigliata è di un cucchiaino al giorno, possibilmente la mattina, per i casi eccezionali è opportuno chiedere consiglio ad un esperto.

Comments