Prevenire Ictus: dieta e alimentazione corretta

0
24

Prevenire Ictus dieta e alimentazione corretta

Alcune ricerche dimostrano che le donne  hanno maggiori possibilità di essere colpite da ictus per il semplice fatto che vivono 7 anni di più in media. Con il passare degli anni aumentano le anomalie del ritmo del cuore, fra le principali cause degli attacchi ischemici.

Come prevenire ictus? Dieta e alimentazione corretta non sono tutto, ma possono essere ottimali.

Prevenire ictus attraverso dieta sana ed alimentazione corretta

Addentrandoci nei dettagli, ci sono diversi studi medici che sostengono che un regime alimentare a base di vegetali e di acidi grassi derivanti dal pesce può scongiurare il rischio di ictus. Sulla base di 121 tra casi clinici, esperimenti ed osservazioni condotte da Dariush Mozaffarian e da Eric L. Ding della Harvard School of Public Health in Boston, viene fuori che c’è un forte nesso tra una dieta povera di sodio e potassio, la conseguente bassa pressione sanguigna e i rischi di ictus.

In antitesi, il consumo di frutta, verdura, omega-3, oltre che dei cibi tipicamente mediterranei, quali olio d’oliva extra vergine, legumi e cereali integrali abbassa la percentuale di rischio.

In linea di massima quindi per prevenire ictus, dieta e alimentazione corretta a base di vegetali sono da giudicare positivamente, a discapito dell’eccessivo consumo di carni grasse.

Alcuni ricercatori indiani sostengono che anche l’eccessivo consumo di latte e derivati non giova alla salute ed aumenta il rischio di essere colpito da attacchi ischemici. Uno studio condotto su 210 pazienti colpiti da ictus mette in evidenza come il 98% di questi consumava assiduamente latte e derivati invece di altri alimenti e poca frutta.

Per concludere, dieta sana ed equilibrata insieme ad un’alimentazione corretta e genuina aiutano a ridurre le possibilità di essere colpiti da quel male che limita le funzioni cerebrali. Bisogna anche controllare la propria circonferenza addominale, smettere di fumare, bere acqua e praticare attività fisica. Su quest’ultimo aspetto, si registra uno studio della University of Australia che mette in evidenza come su 30.000 casi esaminati, i soggetti con uno stile di vita più sedentario hanno il 20% di possibilità in più di essere colpiti da ictus, se messi a confronto di chi pratica sport tra le 2 e le 4 volte a settimana.

Comments