Attacchi di fame e dieta: come comportarsi e come evitarli

0
52
Attacchi di fame

Attacchi di fame e dieta: come comportarsi e come evitarli

Gli attacchi di fame accompagnano spesso chi per forza o per necessità si trova a combattere con la bilancia da sempre, ma anche chi nonostante non abbia rilevanti problemi di peso deve tenere sotto controllo degli impulsi che solitamente derivano da stati di stress quotidiani. Ovviamente per non essere tentati dall’abbuffarsi senza ragione in ore anche improprie della giornata e della notte è possibile adottare alcuni accorgimenti al fine d’evitare non solo aumenti di peso ingiustificati ma anche problemi digestivi e allo stomaco. Come evitare gli attacchi di fame? E come controllarli? Prima di tutto occorre mangiare! Si digiuni prolungati o saltare i pasti non aiutano affatto a gestire uno status di fame ovvio, poi occorre scegliere alimenti a basso indice glicemico che garantiscono un più lungo senso di sazietà in effetti quando il glucosio nel sangue si alza lentamente l’energia non viene liberata tutta insieme e il senso di sazietà permane evitando così quel continuo senso di fame. Il consumo di proteine durante i pasti e bere molta acqua prima di mettersi a tavola sono un ulteriore aiuto per controllare la fame nervosa e evitare d’abbuffarsi. Infine mangiare una serie di spuntini tra un pasto e l’altro è determinante per non cedere alla fame.

Attacchi di fame: aspetto psicologico e frustrazione personale

Gli attacchi di fame sono tuttavia una patologia che colpisce tantissime persone, spesso sono la causa principale di un elevato aumento di peso e alcune volte sono difficile da tenere sotto controllo con il “fai da te” è per questo che in molti casi è necessario l’intervento di un dietologo o nutrizionista in grado di consigliare il regime alimentare più adatto, atto ad evitare che il soggetto possa scontrarsi con vuoto alimentare. Secondo alcuni studi oltre che ai consigli precedentemente indicati, per evitare gli attacchi di fame è opportuno evitare le tentazioni: un ottimo trucco è quello di creare tra il cibo e il soggetto degli ostacoli che rendono gli alimenti difficili da consumare. Credere in se stessi scegliendo di mangiare solo ciò che fa bene rafforza l’aspetto psicologico e ne determina una rivalutazione della forza di volontà messa in discussione da un momentaneo di disagio conseguenza di una tentazione non proprio positiva. C’è da dire che anche una buona respirazione data da una riflessione e esercizio personale riescono a sopprimere gli attacchi di fame, e quella voglia d’ingerire tutto ciò che è a portata di mano: dal dolce al salato non importa, quel che è determinante è appagare un vuoto che è dato non solo da un fattore fisiologico ma anche dalla solitudine, inadeguatezza e mancanza di determinazione elementi definiti soprattutto dalla psiche.

 

Comments